PREMIO INTERNAZIONALE
PROCOPIO CUTò

Grazie alle collaborazioni che si instaurano all’interno del laboratorio di produzione di Sherbeth, ogni gelatiere ha l’opportunità di mettersi a confronto con i colleghi, scambiare informazioni e apprendere nuove tecniche di lavorazione.  Un’esperienza unica di crescita sul piano professionale e umano, in un clima di collaborazione ma anche di sana competizione, per poter emergere come migliore maestro gelatiere all’interno del Concorso “Procopio Cutò”. Un premio ottenuto in base alla valutazione di una giuria tecnica composta dai migliori specialisti del settore, giornalisti e food blogger.

Un mix tra
momenti di sfida,
aggregazione
e crescita professionale

Il Concorso Internazionale Gelato del Mediterraneo “Procopio Cutò” conclude il festival del gelato artigianale Sherbeth. Il prestigioso premio è dedicato a Francesco Procopio Cutò, maestro gelatiere francese di origini palermitane. Nel suo Cafè Le Procope di Parigi fece conoscere le sue specialità ai fiori di anice e cannella, esportando per la prima volta il tradizionale gelato siciliano e rendendolo celebre a livello mondiale. Si è recentemente scoperto che Procopio è nato a Palermo per cui Sherbeth ha sede nella terra che ha dato origine al gelato artigianale, rendendo il nostro festival il più importante al mondo. Grandi firme e professionisti del settore dovranno giudicare i gelati in concorso sulla base del sapore, del corpo e della struttura ma dovranno considerare anche aspetto, presentazione, originalità e creatività. Come da regolamento, la giuria sarà presieduta dal vincitore della precedente edizione: Gianfrancesco Cutelli che nella undicesima edizione ha ottenuto il primo posto del concorso con il gusto cioccolato. I più eccellenti protagonisti del gelato artigianale potranno mettere alla prova la loro creatività e la loro professionalità nel festival più importante del gelato artigianale in Italia.

I VINCITORI DELLE UNDICI EDIZIONI
provenienti da tutto il mondo

Acquista biglietti

Un biglietto
per assaggiarli
e nel buio assaporarli