Le Procope, caffè di dibattito e letteratura

Francesco Procopio Cutò e Le Procope Sherbeth Festival
22
Mar

Le Procope, caffè di dibattito e letteratura

Vi raccontiamo, in pillole, la storia di Francesco Procopio Cutò, chiamato anche Francesco Procopio de’ Coltelli, l’ambasciatore della democratizzazione del gelato in Francia e della nascita della caffetteria “Le Procope

terza e ultima parte

Il cafè-glaciér del palermitano durante il XVII e XVIII secolo sarà luogo d’incontro degli spiriti liberi, dove discutere, far progredire attraverso il confronto nuove idee e teorie. All’epoca esistevano numerosi salotti, organizzati soprattutto dalle “Precieuses”, gruppi di nobildonne che volevano entrare nel dibattito letterario e scientifico da cui erano escluse; però per frequentare questi salotti erano necessarie entrature nella nobiltà.
Al Procope gli intellettuali trovavano l’ambiente ideale, senza bisogno di entrature.
Voltaire scrive: al Procope “lo spirito trova ospitalità senza bisogno di biglietti d’invito”.
Il café-glaciér oltre alle caratteristiche sopra descritte, diventa anche luogo di libero dibattito politico, che non è gradito alla monarchia regnante. Ciò nonostante o forse grazie a ciò, la fama del locale si accresce varcando i confini nazionali.
E’ il 1717, Francesco Procopio Cutò è stanco e si ritira dall’attività trasferendo il suo ruolo al figlio Alexandre, mentre il primogenito Michel Procope Couteau studia e diventa dottore reggente della facoltà di medicina di Parigi.
Alexandre dirige Le Procope con lo stesso entusiasmo, intelligenza e ideali del padre; Diderot, d’Alambert, Piron, Rousseau, Voltaire sono fedeli habitués. A quest’ultimo sarà destinato un tavolo fisso. E’ qui, nel locale del Siciliano che prende consistenza l’idea di una grande Enciclopedia, che poi proprio Le Procope ne vedrà la nascita. E sull’Encyclopédie comparirà la voce “glace” e la descrizione del suo significato.

“Monumento nazionale francese, Le Procope è tuttora funzionante nello stesso luogo in cui nel 1686 Francesco Procopio Cutò, il geniaccio Siciliano nato a Palermo nel quartiere Capo, lo fondò. Si possono ammirare gli arredamenti originali e annusare un’atmosfera carica di storia e di bellezza.”
Luciana Polliotti

Leggi la prima parte della vita di Francesco Procopio Cutò

Leggi la seconda parte e scopri la nascita del caffè Le Procope

Ti potrebbe interessare anche “Dalle origini del sorbetto alla sua diffusione in Italia”